Crea sito
Amore / Motori

Alte prestazioni di McLaren Artura.

La prima supercar ibrida ad alte prestazioni prodotta in serie dalla McLaren concentra più di mezzo secolo dell’esperienza e della competenza dell’azienda nelle corse e nelle auto da strada in una supercar di nuova generazione che fonde la tecnologia rivoluzionaria con la dedizione di McLaren al puro coinvolgimento del guidatore.

Sostenuta dalla filosofia McLaren dell’ingegneria ultraleggera, la nuovissima Artura è il distillato di ogni attributo inerente a una McLaren – design distintivo, prestazioni impareggiabili, eccellenza dinamica e innovazione ingegneristica – l’elettrificazione porta evidenti vantaggi nella prontezza e risposta dell’accellerazione, emissioni ridotte e la possibilità di muoversi  in sola modalità EV  per percorrenze senza emissioni fino a 30 km *.

L’Artura è un nuovo progetto, che ha offerto agli ingegneri e ai progettisti McLaren di implementare nuove soluzioni avanguardisitche, la principale tra queste è stata quella di  preservare la filosofia ingegneristica super leggera della McLaren aggiungendo gli  elementi della  propulsione ibrida, motore elettrico e pacco batteria.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un impegnativo programma di riduzione del peso,  abbraccia ogni area dell’Artura partendo dalla piattaforma del telaio – che vede il debutto della nuova McLaren Carbon Lightweight Architecture (MCLA)-attraverso il compatto ed escluivo sistema di trasmissione HPH, al peso del cablaggio utilizzato nei sistemi elettrici (dove è stata ottenuta una riduzione del peso del 10%), l’Artura ha un peso a secco di 1.395 kg *. Il peso totale dei componenti ibridi è di soli 130 kg (che include un pacco batteria da 88 kg e un motore elettrico da 15,4 kg), portando il peso a vuoto DIN a 1.498 kg * che è paragonabile a quello di supercar che non hanno propulsori ibridi, dando all’Artura un vantaggio evidente.

“Ogni stilla dell’esperienza e della competenza di McLaren è stata riversata nell’Artura. La nostra nuovissima vettura ibrida ad alte prestazioni offre tutte le prestazioni, il coinvolgimento del guidatore e l’eccellenza dinamica per cui la McLaren è rinomata, con l’ulteriore vantaggio della capacità di guida dei veicoli elettrici. L’introduzione di Artura è un momento fondamentale – per McLaren, per i nostri clienti che apprezzeranno e si potranno dilettare con questa vettura a tutti i livelli emotivi e razionali, e per il mondo delle supercar “.

Con i dati sulle performance ora confermati, il nuovissimo propulsore ibrido ad alte prestazioni della McLaren Artura stabilisce nuovi parametri di riferimento per le prestazioni, basandosi sulle eccellenti qualità della tecnologia ibrida ad alte prestazioni fissati dalla pionieristica McLaren P1TM – la prima hypercar ibrida al mondo – e dalla Speedtail Hyper-GT.

L’avanzato propulsore benzina-elettrico di Artura assicura una impareggiabile combinazione di prontezza di risposta dell’acceleratore, prestazioni e guida in sola modalità elettrica a zero emissioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La nuova Supercar di McLaren è stata progettata in modo tale da eccellere per quel che riguarda l’esperienza di guida, dagli spostamenti urbani quotidiani alle sessioni in pista.

“Il nuovissimo propulsore elettrificato ultraleggero della McLaren Artura è all’avanguardia nella tecnologia ibrida ad alte prestazioni, ed è stato progettato per offrire tutti i vantaggi del motore a combustione interna e della potenza elettrica in un unico pacchetto capace di  stabilire nuovi parametri di riferimento per le prestazioni combinate e efficienza nella classe delle supercar. Il design di Artura, nasce da un foglio bianco e ci ha permesso di concentrarci su come rendere questa potenza accessibile al guidatore e fornire quel forte  coinvolgimento che ci si aspetta da una McLaren “.
Geoff Grose, Chief Engineer, McLaren Automotive

Ridurre il peso al minimo è stato un obiettivo primario nella scelta del design del nuovissimo propulsore. Il peso è di estrema importanza in una supercar elettrificata, oltre ad essere un fattore chiave nella filosofia di ingegneria super leggera che segue McLaren, da sempre elemento fondamentale, cuore di ogni sua vettura ed essenziale per garantire prestazioni, agilità e coinvolgimento del guidatore che ci si aspetta da una vettura McLaren.

Al centro di Artura vi è un nuovissimo propulsore a combustione interna V6 da 3,0 litri che introduce un nuovo tema, rispetto a quello che sino ad oggi è stato il convenzionale V8 introdotto con la prima McLaren, la 12C.   L’unità M630 a V di 120 gradi con doppio turbocompressore non solo offre prestazioni ineguagliabili, ma trova anche il modo per garantire la compattezza necessaria.  Un angolo di 180 gradi è stato considerato ma scartato perché avrebbe elevato l’altezza dell’albero motore e quindi il baricentro dell’auto. L’ampio angolo dei cilindri V6 consente ai turbocompressori di sedersi all’interno delle sponde in una configurazione a “V calda”, a vantaggio anche dell’efficienza in quanto si trovano all’interno di una disposizione di scarico più dritta e quindi meno restrittiva. Generando 585 CV e 585 Nm di coppia, il nuovissimo motore V6 è 190 mm più corto e 220 mm più stretto del V8 biturbo da 4,0 litri della McLaren e anche 50 kg più leggero.

Commenti disabilitati su Alte prestazioni di McLaren Artura.