Crea sito
Amore / Motori

Aston Martin, in Formula 1 60 anni dopo

L’Aston Martin che torna in Formula 1 (al posto della Racing Point) e Sebastian Vettel che riparte dal team britannico dopo la fine dell’avventura con la Ferrari. L’AMR21 è l’ultima monoposto svelata per il Mondiale 2021: è la vettura che sancisce il rientro del marchio britannico nella massima categoria. Lance Stroll è il compagno di box di Vettel, per una coppia inedita e da seguire con attenzione in vista della nuova stagione che scatterà in Bahrain il prossimo 28 marzo. L’Aston Martin, della quale una prima immagine è circolata ben prima della presentazione, è stata mostrata online sui canali del team. C’è ovviamente il verde che domina sulla livera di una macchina che in molti hanno già ribattezzato la “Mercedes verde”. Giovedì 4 marzo, infine, sarà il primo vero giorno di attività per Vettel: sarà al volante della nuova macchina a Silverstone per il filming day. “Sono qui per vincere”, ha detto il tedesco durante la presentazione del team.

IL TELAIO

  • Monoscocca: composito di fibra di carbonio, pannelli laterali anti intrusione in Zylon.
  • Sospensioni: braccetti oscillanti compositi in fibra di carbonio.
  • Frizione: AP Racing.
  • Cerchioni: BBS.
  • Pneumatici: Pirelli P Zero.
  • MOTORE

    • Power unit: Mercedes-AMG F1 M12 E Performance.
    • Peso minimo: 145 kg.
    • Componenti principali: motore a combustione interna (ICE), Motor Generator Unit – Kinetic (MGU-K), Motor Generator Unit – Heat (MGU-H), batterie (ES), turbocompresso (TC).
    • Power unit per pilota: 3 nell’arco della stagione.

    MOTORE A COMBUSTIONE INTERNA

    • Cilindrata: 1.600 cc.
    • Cilindri: 6.
    • Angolo di bancata: V a 90°
    • Valvole: 24.
    • Regime massimo: 15.000 giri.
    • Flusso di benzina massimo: 100 kg/ora (sopra ai 10.500 giri).
    • Iniezione benzina: diretta ad alta pressione.
    • Regime massimo turbina: 125.000 giri.Sistema frenante: pinze Brembo, sistema brake by wire di produzione propria (fibra di carbonio)

      ERS

      • Architettura: recupero di energia ibrido integrato tramite Motor Generator Unit: albero motore accoppiato MGU-K, turbocompresso accoppiato MGU-H.
      • Batterie: a ioni di litio, peso tra 20 e 25 kg, massimo accumulo di energia 4 MJ per giro.
      • MGU-K: regime massimo 50.000 giri, potenza massima 120 kW, accumulo massimo 2 MJ per giro, rilascio massimo 4 MJ per giro.
      • MGU-H: regime massimo 125.000 giri, potenza massima illimitata, accumulo massimo illimitato, rilascio massimo illimitato.

Commenti disabilitati su Aston Martin, in Formula 1 60 anni dopo